Eredità e fiumi

Non è inusuale nel corso della discesa di un fiume incorrere in un lago. Non si tratta solo di un’oasi pacifica tra le correnti del fiume, ma esso stesso esprime la potenza dell’acqua attraverso la sua mole.

Ciò che in un momento è all’apice dell’irruenza, in un altro si incontra nella sua massima stabilità.
Allo stesso modo l’eredità è pensabile come un intreccio di correnti che ci sospingono e trascinano in direzioni diverse se non opposte, rischiando di chiuderci in vicoli ciechi o, peggio, dirimpetto a scogli o massi.
Solo i più audaci assaporano la pace, poiché hanno conosciuto il caos.

Eredità. La sfida più grande è sempre (il) domani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *